Crea un dispositivo innovativo che consente di provare le sensazioni di temperatura attraverso una protesi

I ricercatori hanno sviluppato un dispositivo che consente alle persone con amputazioni di provare le sensazioni naturali di temperatura attraverso le protesi. Questa innovazione apre la strada all’integrazione di una serie di sensazioni in arti artificiali. Secondo il professor Solaiman Shokur, uno degli autori dello studio presso il Swiss Federal Institute of Technology Lausanne, è noto che aumentare il feedback sensoriale di una protesi può aiutare le persone a sentirsi parte del proprio corpo.

Per testare questo concetto, i ricercatori hanno creato il MiniTouch: un sensore di temperatura posizionato sulla mano protesica, che invia un segnale a un controller termico quando rileva una variazione di temperatura rispetto a una base di 32°C. Questo segnale viene quindi trasmesso a un componente montato sulla parte superiore della protesi, che tocca la pelle del braccio. In questo modo, la temperatura viene riprodotta sulla parte del braccio corrispondente alle sensazioni termiche.

Lo studio ha coinvolto Fabrizio, un uomo di 57 anni con l’avambraccio amputato, al quale è stato applicato il MiniTouch. I ricercatori hanno scoperto che Fabrizio è stato in grado di discriminare tra bottiglie identiche contenenti acqua calda, fredda o a temperatura ambiente con una precisione del 100% quando il dispositivo era acceso, mentre la precisione scendeva al 33% quando era spento. Inoltre, Fabrizio è stato in grado di distinguere tra lastre di rame, vetro e plastica utilizzando il MiniTouch bendato, con una precisione pari a quella del braccio intatto.

Il dispositivo ha migliorato anche la capacità di Fabrizio di distinguere tra un braccio protesico e uno reale bendato, sebbene la precisione fosse maggiore con il braccio intatto, probabilmente perché quest’ultimo rileva anche informazioni come la texture. Inoltre, il MiniTouch ha aumentato la precisione di Fabrizio nel selezionare una scatola di cubi di acciaio caldi e freddi in un minuto, anche se non ne ha aumentato la velocità.

Secondo i ricercatori, il MiniTouch non richiede interventi chirurgici ed è basato su componenti elettronici facilmente disponibili. Questo rende possibile l’applicazione del dispositivo sulle protesi esistenti senza grandi costi aggiuntivi. Tuttavia, gli autori dello studio ritengono che il MiniTouch debba ancora essere testato su un gruppo più ampio di pazienti per confermare la sua efficacia.

In conclusione, il MiniTouch offre delle promettenti prospettive per migliorare l’integrazione delle protesi nel corpo umano. Grazie a questo dispositivo, le persone con amputazioni potranno godere di sensazioni termiche naturali, distinguere tra materiali diversi e migliorare l’accuratezza e la precisione delle loro azioni quotidiane. Anche se ci vorrà del tempo per sviluppare ulteriormente questa tecnologia e renderla accessibile a tutti, questa ricerca rappresenta un importante passo avanti nella creazione di protesi più avanzate e funzionali.

Una sezione FAQ basata sui principali argomenti e informazioni presentate nell’articolo:

Q: Qual è l’innovazione sviluppata dai ricercatori?
A: I ricercatori hanno sviluppato un dispositivo chiamato MiniTouch che consente alle persone con amputazioni di provare sensazioni termiche naturali attraverso le protesi.

Q: Come funziona il MiniTouch?
A: Il MiniTouch è un sensore di temperatura posizionato sulla mano protesica. Quando rileva una variazione di temperatura rispetto a una base di 32°C, invia un segnale a un controller termico. Questo segnale viene poi trasmesso a un componente montato sulla parte superiore della protesi, che tocca la pelle del braccio. In questo modo, le sensazioni termiche vengono riprodotte sulla parte del braccio corrispondente.

Q: Quali sono i risultati ottenuti nello studio?
A: Nello studio, un uomo con l’avambraccio amputato è stato in grado di discriminare tra bottiglie che contenevano acqua calda, fredda o a temperatura ambiente con una precisione del 100% quando il dispositivo era acceso. Inoltre, è stato anche in grado di distinguere tra lastre di rame, vetro e plastica con la stessa precisione del braccio intatto.

Q: Il MiniTouch richiede interventi chirurgici?
A: No, il MiniTouch non richiede interventi chirurgici ed è basato su componenti elettronici facilmente disponibili. Può essere applicato sulle protesi esistenti senza grandi costi aggiuntivi.

Q: Quale sarà il prossimo passo per il MiniTouch?
A: Gli autori dello studio ritengono che il MiniTouch debba essere testato su un gruppo più ampio di pazienti per confermare la sua efficacia.

Definizioni dei termini chiave:

– Protesi: Dispositivo artificiali utilizzato per sostituire o estendere una parte mancante o danneggiata del corpo umano.
– Sensazioni termiche: Percezioni sensoriali associate alla temperatura.

Link correlati suggeriti:

EPFL (Swiss Federal Institute of Technology Lausanne)