Gli effetti dannosi del cibo spazzatura in gravidanza

Una nuova ricerca avverte che il consumo di cibo ultra-processato o cibo spazzatura durante la gravidanza aumenta il rischio di problemi di salute per il feto.

Oltre all’alto contenuto di grassi e calorie, il rischio deriva anche dalle sostanze chimiche che spesso si trovano nei panini e nelle patatine, secondo uno studio dell’Università della Scuola di Medicina di Washington pubblicato il mese scorso su Environment International.

Queste sostanze chimiche, chiamate ftalati, vengono comunemente rilasciate dagli involucri del cibo spazzatura o dai guanti di plastica dei lavoratori e sono state associate all’autismo, all’ADHD, al parto pretermine e al basso peso alla nascita.

Quando il cibo è contaminato da queste pericolose plastificanti di dimensioni microscopiche, le sostanze chimiche possono entrare nel flusso sanguigno di una madre in gravidanza.

“Quando le mamme sono esposte a questa sostanza chimica, può attraversare la placenta e entrare nella circolazione fetale”, ha dichiarato la dott.ssa Sheela Sathyanarayana, autrice principale dello studio e pediatra di UW Medicine.

Quando sono state studiate 1.031 donne in gravidanza nel secondo trimestre della loro gestazione, i ricercatori hanno riscontrato che un maggiore consumo di cibi ultra-processati era associato a una maggiore concentrazione di uno dei ftalati più comuni e dannosi.

I ricercatori hanno avvertito che, oltre ai comuni alimenti fast food come patatine fritte, panini e bevande gassate, anche le miscele per torte potrebbero essere a rischio.

“Non incolpiamo la persona incinta qui”, ha detto il ricercatore Brennan Baker. “Dobbiamo chiamare i produttori e i legislatori affinché offrano sostituzioni [nell’elaborazione e nell’imballaggio degli alimenti], e quelle che potrebbero non essere ancora più dannose”.

Sathyanarayana consiglia ora alle donne in gravidanza di evitare cibi veloci e ultra-processati il più possibile.

Invece, dovrebbero cercare frutta, verdura, carne magra e barrette per la colazione fatte con frutta organica come le datteri invece di grassi e zuccheri.

“Cercate un numero inferiore di ingredienti e assicuratevi di capire gli ingredienti”, ha consigliato.

Una ricerca non correlata ha anche scoperto che i bambini nati da madri obese hanno un rischio maggiore di sviluppare il diabete.

Domande frequenti basate sugli argomenti principali e le informazioni presentate nell’articolo:

1. Qual è l’effetto del consumo di cibo ultra-processato durante la gravidanza?
Il consumo di cibo ultra-processato durante la gravidanza aumenta il rischio di problemi di salute per il feto, oltre all’alto contenuto di grassi e calorie.

2. Quali sostanze chimiche si trovano spesso nei panini e nelle patatine?
Le sostanze chimiche chiamate ftalati si trovano spesso nei panini e nelle patatine.

3. Quali rischi sono associati all’esposizione ai ftalati durante la gravidanza?
L’esposizione ai ftalati durante la gravidanza è stata associata all’autismo, all’ADHD, al parto pretermine e al basso peso alla nascita.

4. Come le sostanze chimiche possono entrare nel flusso sanguigno di una madre in gravidanza?
Le sostanze chimiche possono entrare nel flusso sanguigno di una madre in gravidanza quando il cibo è contaminato da ftalati di dimensioni microscopiche presenti negli involucri del cibo spazzatura o nei guanti di plastica dei lavoratori.

5. Cosa hanno scoperto i ricercatori quando hanno studiato 1.031 donne in gravidanza?
Quando hanno studiato 1.031 donne in gravidanza nel secondo trimestre, i ricercatori hanno riscontrato che un maggiore consumo di cibi ultra-processati era associato a una maggiore concentrazione di uno dei ftalati più comuni e dannosi.

6. Quali alimenti oltre ai fast food potrebbero essere a rischio?
Oltre ai comuni fast food come patatine fritte, panini e bevande gassate, anche le miscele per torte potrebbero essere a rischio.

7. Cosa consiglia la dott.ssa Sheela Sathyanarayana alle donne in gravidanza?
La dott.ssa Sheela Sathyanarayana consiglia alle donne in gravidanza di evitare cibi veloci e ultra-processati il più possibile, e invece cercare frutta, verdura, carne magra e barrette per la colazione fatte con frutta organica.

Definizioni per alcuni termini chiave o gergali utilizzati nell’articolo:

– Cibo ultra-processato: cibo industriale altamente elaborato e modificato che spesso contiene ingredienti artificiali, conservanti, coloranti e aromi sintetici.
– Ftalati: sostanze chimiche utilizzate come plastificanti in vari prodotti, compresi gli involucri del cibo e i guanti di plastica.

Collegamenti correlati suggeriti al dominio principale (non alle sottopagine):

University of Washington: link name
UW Medicine: link name

Articolo originale: [link to the original article]