Il re Carlo III annuncia pubblicamente i trattamenti per l’ingrossamento della prostata e il cancro

Il recente annuncio del re Carlo III riguardo alle sue condizioni di salute, in particolare l’ingrossamento della prostata e il cancro, ha suscitato grande interesse.

A fine gennaio, Buckingham Palace ha annunciato che il re Carlo, 75 anni, era stato ricoverato e sottoposto a trattamenti per l’ingrossamento della prostata.

Questa settimana, il Palazzo ha comunicato che il re è stato diagnosticato con “una forma di cancro”, scoperta durante gli esami per l’ingrossamento della prostata. Non è stato specificato che tipo di cancro ha, ma si è precisato che si tratta di una “questione separata” dall’ingrossamento della prostata e che il re si sarebbe dedicato alle terapie per questa condizione come paziente esterno.

L’obiettivo del re nell’annunciare pubblicamente i dettagli delle sue condizioni è aumentare la consapevolezza su queste malattie e prevenire speculazioni.

Secondo il dottor Hon Leong, professore associato presso la Facoltà di Medicina Temerty dell’Università di Toronto, trovare il cancro in una fase precoce e trattarlo è “una fortuna”.

“Pensate se non fosse stato individuato abbastanza presto, questo cancro, quale che sia il tipo, avrebbe potuto continuare a crescere inosservato”, ha scritto Leong in una email a CTVNews.ca. “Quel tumore avrebbe potuto diventare ancora più pericoloso, portando a un quadro clinico più grave per il re.”

A causa dell’aumentato interesse verso entrambe le patologie, CTVNews.ca ha raccolto informazioni sui sintomi e sulla prevenzione.

Sintomi dell’ingrossamento della prostata

L’ingrossamento della prostata è una condizione comune negli uomini che invecchiano, soprattutto quelli di età superiore ai 50 anni. Gli esperti dicono che è anche difficile prevenire questa condizione.

Il dottor Dean Elterman, chirurgo urologo all’University Health Network di Toronto, ha spiegato che l’ingrossamento della prostata, noto anche come iperplasia prostatica benigna (IPB), è diverso dal cancro alla prostata e di solito non diventa canceroso.

La prostata è una ghiandola a forma di ciambella, attraverso cui l’urina fluisce, posizionata sotto la vescica. Una prostata di dimensioni normali è grande come una noce, ma con l’avanzare dell’età inizia a crescere a causa di fattori come la genetica e gli ormoni.

La crescita anomala della prostata può restringere l’uretra, ovvero il canale che porta l’urina dalla vescica fino alla punta del pene, creando un’ostruzione al flusso di urina, ha affermato il dottor Connor Forbes, professore assistente e chirurgo urologo all’Università della Columbia Britannica a Vancouver.

I sintomi possono includere frequente bisogno di urinare, sensazione di svuotamento incompleto della vescica, flusso debole di urina che si interrompe e riprende, sforzo nel urinare, presenza di sangue nelle urine, attesa prolungata per urinare e risvegli notturni per urinare.

“Questo può essere molto fastidioso. E se non viene trattato, può causare danni ai reni, infezioni urinarie, calcoli urinari nella vescica o incapacità completa di urinare, che richiede l’inserimento di un catetere nell’uretra”, ha spiegato Forbes in una mail a CTVNews.ca.

Trattamenti per l’ingrossamento della prostata

Secondo il dottor Forbes, le persone possono evitare cibi e bevande che irritano la vescica, come caffè, tè, cibi piccanti, agrumi, alcol e dolcificanti artificiali, per alleviare i sintomi.

Inoltre, riducendo l’assunzione di liquidi una o due ore prima di andare a letto e urinando due volte prima di coricarsi, è possibile ridurre la frequenza della minzione notturna. Molti rimedi da banco, secondo Forbes, non hanno ancora dimostrato la loro efficacia.

I medici dicono che i farmaci e le procedure possono ridurre le dimensioni della prostata e migliorare la frequenza delle minzioni.

Elterman ha affermato che alcuni pazienti scelgono di non prendere i farmaci perché nel tempo potrebbero perdere efficacia o non migliorare i sintomi.

Per alleviare i sintomi, può essere necessario ricorrere a interventi chirurgici tradizionali, ma questo richiede un ricovero ospedaliero e può comportare rischi, ha aggiunto Elterman.

Alcuni pazienti possono optare per procedure più nuove e avanzate, meno invasive e che consentono un recupero più rapido, evitando possibili complicazioni ed effetti collaterali, ha precisato.

Modi per ridurre il rischio di cancro

Il dottor Keith Stewart, direttore del Princess Margaret Cancer Centre di Toronto, ha affermato che esistono modi per ridurre il rischio di sviluppare diversi tipi di cancro. Ha sottolineato l’importanza degli screening per la diagnosi precoce.

“È positivo che (il re Carlo III) abbia fatto pubblica la sua diagnosi. Aiuta a destigmatizzare una diagnosi di cancro e a farne parlare la gente”, ha detto Stewart in un’intervista telefonica a CTVNews.ca.

Stewart ha sottolineato che il 40% dei canadesi svilupperà un cancro nella loro vita. “Questo mette in evidenza anche i benefici dell’intervento precoce”, ha detto. “Se i cancri vengono individuati in fase precoce, è possibile curarli.”

Le statistiche suggeriscono che circa l’80-90% dei cancri precoci può essere curato, ma una volta che il cancro si diffonde diventa molto meno probabile la guarigione, ha sottolineato Stewart.

Inoltre, consiglia di evitare di fumare, di prendere scottature solari e di consumare alcol in eccesso.

Per prevenire il cancro, incoraggia anche la vaccinazione contro il virus del papilloma umano (HPV) e l’epatite B. In Ontario, l’età limite per la mammografia scenderà da 50 a 40 anni entro la fine dell’anno per permettere a più donne di fare lo screening, ha aggiunto.

Elterman raccomanda agli uomini di età compresa tra i 50 e i 70 anni di consultare un medico di famiglia per effettuare eventualmente un test PSA (antigene prostatico specifico), in grado di individuare il cancro alla prostata o l’ingrossamento della prostata. “Quello che conta di più è parlare con il proprio medico della possibile diagnosi precoce di cancri, come il cancro alla prostata”, ha affermato.

Cambiamenti nello stile di vita

Elterman ha spiegato che nella maggior parte dei casi, il cancro alla prostata non presenta sintomi ed è rilevato unicamente grazie a un aumento del PSA.

“Questo test andrebbe effettuato nel corso del tempo per determinare eventuali cambiamenti o aumento della concentrazione di PSA, che potrebbero indicare la presenza di un cancro alla prostata”, ha spiegato Elterman.

Tuttavia, i cancri alla prostata in fase avanzata possono causare sintomi rari, come ostruzione del flusso urinario, dolore alle ossa e perdita di peso.

Leong consiglia di rivolgersi sempre al proprio medico per qualsiasi problema di salute.

“Nel Regno Unito e in Canada abbiamo un servizio sanitario universale e dovremmo sfruttarlo al massimo”, ha affermato. “È meglio scoprire queste cose adesso piuttosto che quando è troppo tardi.”

Alcuni cambiamenti nello stile di vita, come l’esercizio fisico regolare e una dieta a base di verdure senza cibi processati, possono contribuire a ridurre il rischio di cancro.

Sezione FAQ basata sugli argomenti principali e le informazioni presentate nell’articolo:

1. Quali sono i sintomi dell’ingrossamento della prostata?
I sintomi dell’ingrossamento della prostata includono un frequente bisogno di urinare, sensazione di svuotamento incompleto della vescica, flusso debole di urina, sforzo nel urinare, presenza di sangue nelle urine, attesa prolungata per urinare e risvegli notturni per urinare.

2. Quali sono i trattamenti per l’ingrossamento della prostata?
I trattamenti per l’ingrossamento della prostata includono modifiche allo stile di vita come evitare cibi e bevande che irritano la vescica e ridurre l’assunzione di liquidi prima di coricarsi, farmaci per ridurre le dimensioni della prostata e migliorare la frequenza delle minzioni, e interventi chirurgici tradizionali o procedure più nuove e avanzate.

3. Quali sono i modi per ridurre il rischio di cancro?
Per ridurre il rischio di cancro è consigliato fare screening per la diagnosi precoce, evitare il fumo, le scottature solari e un consumo eccessivo di alcol, vaccinarsi contro l’HPV e l’epatite B, e fare cambiamenti nello stile di vita come fare esercizio fisico regolare e seguire una dieta a base di verdure senza cibi processati.

Definizioni dei termini chiave:

– Iperplasia prostatica benigna (IPB): è l’ingrandimento benigno della prostata, che può causare sintomi urinari.

– Antigene prostatico specifico (PSA): è un marcatore che può essere rilevato nel sangue e utilizzato come test per il cancro alla prostata.

Links correlati suggeriti:
CTVNews.ca – sito principale di CTV News con ulteriori informazioni sulla salute e altri articoli correlati.