Il virus Alaskapox fa la sua prima vittima in Alaska

Un uomo della penisola di Kenai è morto a fine gennaio a causa del virus Alaskapox, secondo il dipartimento di salute dello stato. L’uomo era immunocompromesso ed è la prima persona conosciuta a morire a causa del virus Alaskapox, o AKPV.

Il dipartimento di salute ha riportato la morte in un bollettino venerdì scorso.

Il virus Alaskapox è stato scoperto nello stato nel 2015 ed è correlato ad altri virus ortopox come il vaiolo, il cowpox e il monkeypox. La epidemiologa Dr. Julia Rogers, che lavora per i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) e che è affiliata al Dipartimento della Sanità Pubblica dell’Alaska, ha dichiarato che il virus infetta principalmente gli animali.

“Virus ortopox sono virus zoonotici, il che significa che circolano principalmente all’interno delle popolazioni animali con occasionali trasmissioni all’uomo”, ha detto Rogers.

Rogers ha detto di aspettarsi che le infezioni da AKPV rimangano rare ed è improbabile che qualcuno non immunocompromesso muoia a causa del virus. Ha dichiarato che non ci sono prove di trasmissione da persona a persona.

Solo altre sei persone hanno avuto casi confermati di Alaskapox ed erano tutte nell’area di Fairbanks. Tutte le infezioni precedenti sono state causate dal contatto con animali. Lo stato ha testato piccoli mammiferi per il virus e lo ha trovato principalmente in arvicole e scoiattoli rossi. A causa del limitato numero di casi, gli epidemiologi non sanno esattamente come le persone possano contrarre il virus, ma Rogers ha detto che è probabile che venga trasmesso attraverso il contatto diretto con un animale infetto.

L’uomo che è morto a causa del virus viveva da solo in una zona boscosa della penisola di Kenai e si nutriva di cibo e interagiva con un gatto randagio che, secondo lui, lo graffiava regolarmente e cacciava piccoli mammiferi. Il gatto è stato testato per AKPV ed è risultato negativo. Rogers ha detto che gli abitanti dell’Alaska dovrebbero essere cauti quando maneggiano piccoli mammiferi. Le persone dovrebbero indossare guanti quando recuperano piccoli mammiferi dalle trappole e lavarsi le mani dopo.

Rogers ha detto che chiunque abbia lesioni dovrebbe consultare il proprio medico.

Il Dr. Ben Westley, uno specialista delle malattie infettive, ha detto che è importante che i fornitori di assistenza sanitaria sappiano riconoscere le lesioni da vaiolo.

“Le lesioni da vaiolo hanno un aspetto piuttosto insolito”, ha detto Westley. “E penso che la maggior parte dei medici che valutano una eruzione cutanea diranno, ‘Wow, questa è un’eruzione strana’. Ma se non hanno sentito parlare o non stanno pensando al virus del vaiolo, non faranno la diagnosi”.

Ha detto che altri sintomi possono includere linfonodi gonfi, soprattutto nell’area vicino alle lesioni.

Il ceppo AKPV trovato nell’uomo di Kenai è diverso dal ceppo trovato nelle persone e negli animali nella regione interna dello stato. Il personale del dipartimento di salute ha dichiarato che ciò potrebbe indicare che il virus sia più diffuso in Alaska di quanto si pensasse in precedenza e sta lavorando con il Museo dell’Università dell’Alaska e i CDC per testare piccoli mammiferi per AKPV al di fuori della regione interna.

Il dipartimento di salute ha dichiarato che l’uomo morto a causa di AKPV era anziano e immunocompromesso a causa di un trattamento contro il cancro. I suoi sintomi sono iniziati con una grande lesione nell’area dell’ascella. Successivamente, ha sviluppato ulteriori lesioni simili al vaiolo e il suo medico ha inviato uno sfregio ai CDC, dove è stato identificato come un ceppo unico di AKPV.

Westley ha detto che le infezioni sono rare e gli abitanti dell’Alaska dovrebbero essere consapevoli dei sintomi ma non preoccuparsi.

“Viviamo in un luogo straordinario con contatto con molti animali selvatici e paesaggi, e questa è solo una cosa che fa parte della zona”, ha detto Westley. “Se ci sono animali morti o animali malati arenati, non dovresti maneggiarli da solo; puoi chiamare esperti di fauna selvatica”.

Lo stato consiglia agli operatori sanitari di familiarizzare con i sintomi di AKPV. I medici dovrebbero segnalare i casi sospetti di AKPV al Dipartimento della Salute e possono trovare esempi di immagini di lesioni di AKPV nella pagina delle domande frequenti del dipartimento.

Un uomo della penisola di Kenai è morto a causa del virus Alaskapox. Cos’è il virus Alaskapox? Il virus Alaskapox è un virus correlato ai virus ortopox come il vaiolo, il cowpox e il monkeypox. Si è scoperto per la prima volta in Alaska nel 2015. Questi virus sono zoonotici, il che significa che circolano principalmente tra gli animali ma occasionalmente possono trasmettersi all’uomo.

Qual è la rarità delle infezioni da AKPV? Le infezioni da AKPV rimangono rare e non si pensa che causino la morte in persone non immunocompromesse. Non ci sono prove di trasmissione da persona a persona.

Come si diffonde il virus? Non si sa esattamente come le persone possano contrarre il virus, ma è probabile che venga trasmesso attraverso il contatto diretto con animali infetti. In Alaska, è stato trovato principalmente in arvicole e scoiattoli rossi.

Come è morto l’uomo di Kenai? L’uomo viveva da solo in una zona boscosa e interagiva con un gatto randagio che, secondo lui, lo graffiava regolarmente e cacciava piccoli mammiferi. Anche se il gatto è stato testato per AKPV ed è risultato negativo, si consiglia di forti precauzioni quando si maneggiano piccoli mammiferi.

Quali sono i sintomi di AKPV? I sintomi possono includere lesioni cutanee simili al vaiolo e linfonodi gonfi, soprattutto nell’area vicino alle lesioni.

Cosa dovrebbero fare gli operatori sanitari? Gli operatori sanitari sono invitati a familiarizzare con i sintomi di AKPV e a segnalare i casi sospetti al Dipartimento della Salute. Possono trovare esempi di immagini delle lesioni di AKPV nella pagina delle domande frequenti del dipartimento.

Articoli correlati:
1. Dipartimento della Salute dell’Alaska
2. CDC – Centers for Disease Control and Prevention
3. Università dell’Alaska – Museo dell’Università dell’Alaska