La crescente presenza di sostanze chimiche sintetiche potrebbe essere la causa dei parti prematuri

Un nuovo studio ha rivelato che le sostanze chimiche sintetiche chiamate ftalati, utilizzate nell’imballaggio di alimenti trasparenti e nei prodotti per la cura personale, potrebbero essere una delle cause dell’aumento dei parti prematuri.

I ricercatori hanno scoperto che i ftalati sono disruptori ormonali che possono influenzare il corretto funzionamento della placenta, l’organo responsabile di fornire ossigeno e nutrienti al feto in via di sviluppo nell’utero.

Secondo il dottor Leonardo Trasande, direttore di pediatria ambientale presso NYU Langone Health e autore principale dello studio, i ftalati possono causare infiammazioni che possono disturbare ulteriormente la placenta e innescare il parto prematuro. Un ftalato chiamato Di(2-etil esil) ftalato (DEHP), presente negli imballaggi alimentari, è stato associato in particolar modo ai parti prematuri.

Secondo lo studio, DEHP e altre tre sostanze chimiche simili potrebbero essere responsabili del 5% al 10% dei parti prematuri registrati nel 2018 negli Stati Uniti. Ciò si traduce in quasi 57.000 parti prematuri, con un costo per la società di quasi 4 miliardi di dollari solo in quell’anno.

Tuttavia, secondo Alexa Friedman, una scienziata senior di tossicologia presso l’Environmental Working Group, nonostante lo studio si sia focalizzato sulla relazione tra l’esposizione a singoli ftalati e il parto prematuro, le persone sono spesso esposte a più di un ftalato dai prodotti che utilizzano, aumentando così il rischio di parti prematuri.

L’American Chemistry Council, un’associazione di commercio industriale per le aziende chimiche statunitensi, ha dichiarato che il rapporto non stabilisce una relazione di causa ed effetto.

I ftalati sono presenti in numerosi prodotti di uso comune, come detergenti, pavimenti in vinile, mobili e tende da doccia in PVC, prodotti per auto, oli lubrificanti e adesivi, abbigliamento, prodotti per la cura personale e giocattoli per bambini. Studi hanno collegato l’esposizione ai ftalati a problemi di salute come obesità infantile, asma, malattie cardiovascolari, cancro e problemi riproduttivi.

Nonostante il fatto che alcuni ftalati siano stati limitati nell’uso dei giocattoli per bambini e dei prodotti per la cura dei bambini e che la Consumer Product Safety Commission abbia posto restrizioni su di essi, non tutti gli ftalati sono stati limitati negli imballaggi alimentari dalla FDA (US Food and Drug Administration).

È importante prestare attenzione all’esposizione a queste sostanze chimiche e promuovere la ricerca per acquisire una maggiore comprensione sui loro effetti sulla salute umana.

FAQ

1. Cosa sono i ftalati?
I ftalati sono sostanze chimiche sintetiche utilizzate nell’imballaggio di alimenti trasparenti e nei prodotti per la cura personale.

2. Come influenzano i ftalati il parto prematuro?
I ftalati sono disruptori ormonali che possono influenzare il corretto funzionamento della placenta, causando infiammazioni che possono disturbare ulteriormente la placenta e innescare il parto prematuro.

3. Qual è il ftalato associato ai parti prematuri?
Il ftalato chiamato Di(2-etil esil) ftalato (DEHP), presente negli imballaggi alimentari, è stato associato in particolar modo ai parti prematuri.

4. Quante nascite prematuri sono attribuite ai ftalati negli Stati Uniti nel 2018?
Secondo lo studio, DEHP e altre tre sostanze chimiche simili potrebbero essere responsabili del 5% al 10% dei parti prematuri registrati nel 2018 negli Stati Uniti, corrispondente a quasi 57.000 parti prematuri.

5. Qual è il costo per la società degli parti prematuri causati dai ftalati negli Stati Uniti nel 2018?
Il costo per la società dei parti prematuri causati dai ftalati negli Stati Uniti nel 2018 è stato di quasi 4 miliardi di dollari.

6. Qual è il rischio di esposizione a più di un ftalato?
Le persone sono spesso esposte a più di un ftalato dai prodotti che utilizzano, aumentando così il rischio di parti prematuri.

7. Qual è la posizione dell’American Chemistry Council riguardo ai ftalati e i parti prematuri?
L’American Chemistry Council ha dichiarato che il rapporto non stabilisce una relazione di causa ed effetto tra i ftalati e i parti prematuri.

8. In quali prodotti sono presenti i ftalati?
I ftalati sono presenti in numerosi prodotti di uso comune come detergenti, pavimenti in vinile, mobili e tende da doccia in PVC, prodotti per auto, oli lubrificanti e adesivi, abbigliamento, prodotti per la cura personale e giocattoli per bambini.

9. Quali problemi di salute sono stati collegati all’esposizione ai ftalati?
Studi hanno collegato l’esposizione ai ftalati a problemi di salute come obesità infantile, asma, malattie cardiovascolari, cancro e problemi riproduttivi.

10. Gli ftalati sono limitati negli imballaggi alimentari?
Non tutti gli ftalati sono stati limitati negli imballaggi alimentari dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti.