La peste bubbonica: una malattia che una volta uccise milioni di persone, ma ora tratabile

La scorsa settimana è stato riportato un caso di peste bubbonica, la malattia che uccise decine di milioni di persone nell’Europa medievale, in una zona rurale dell’Oregon. L’individuo affetto è stato prontamente trattato e gli ufficiali sanitari ritengono che ci sia “poco rischio per la comunità” che la malattia si diffonda. Anche se la malattia, che secondo gli ufficiali è stata probabilmente trasmessa all’individuo da un gatto domestico malato, è estremamente rara ai giorni nostri, vengono segnalati alcuni casi ogni anno. Ma nel 2024, i medici sanno molto meglio come trattare la malattia e prevenire la sua diffusione.

Cos’è la peste?

La peste bubbonica è una malattia infettiva che può colpire i mammiferi, causata dal batterio Yersinia pestis. Viene spesso trasmessa attraverso pulci infette dal batterio. Può anche essere contratta inalando goccioline respiratorie dopo un contatto ravvicinato con animali o esseri umani malati di peste polmonare, la forma più grave della malattia. Un altro modo per contrarla è “attraverso il contatto diretto con tessuti o fluidi infetti mentre si maneggia un animale malato di peste o morto a causa della peste”, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Chi è a rischio?

Negli Stati Uniti, si segnalano in media sette casi di peste umana ogni anno, secondo i CDC, e circa l’80% di essi è nella forma bubbonica della malattia. La maggior parte di questi casi viene segnalata nelle zone rurali dell’ovest e sud-ovest degli Stati Uniti. Nel 2012, un saldatore nell’Oregon centrale contrasse la peste bubbonica quando estrasse un roditore dalla bocca del suo gatto soffocante: sopravvisse ma perse le dita dei piedi e delle mani a causa della malattia. Un adolescente del Colorado contrasse un caso fatale durante una battuta di caccia nel 2015, e le autorità del Colorado confermarono almeno due casi lo scorso anno, di cui uno fatale.

A livello mondiale, la maggior parte dei casi di peste negli ultimi decenni si è verificata in persone che vivono in cittadine e villaggi rurali in Africa, in particolare a Madagascar e nel Congo, secondo la Cleveland Clinic.

Non è la peste del medioevo

La morte nera nel XIV secolo fu forse la più infame epidemia di peste, uccidendo fino alla metà della popolazione mentre si diffondeva in Europa, Medio Oriente e Africa settentrionale. Iniziò a devastare le comunità in Medio Oriente ed Europa tra il 1347 e il 1351 e importanti focolai continuarono per i successivi 400 anni. Una precedente pandemia di peste, chiamata peste di Giustiniano, iniziò a Roma intorno al 541 e continuò a manifestarsi nei successivi duecento anni.

La terza grande pandemia di peste iniziò nella regione dello Yunnan, in Cina, a metà dell’Ottocento e si diffuse lungo le rotte commerciali, arrivando a Hong Kong e Bombay circa 40 anni dopo. In seguito raggiunse tutti i continenti tranne l’Antartide, secondo la Cleveland Clinic, e si stima che abbia ucciso circa 12 milioni di persone solo in Cina e India.

Alla fine dell’Ottocento fu sviluppato un trattamento efficace con un siero, che in seguito fu sostituito da antibiotici ancora più efficaci qualche decennio dopo. Anche se la peste rimane una malattia grave, gli antibiotici e le terapie di supporto sono efficaci anche nella forma polmonare più pericolosa quando i pazienti vengono trattati tempestivamente, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Domande frequenti sulla peste bubbonica:

Cos’è la peste bubbonica?
La peste bubbonica è una malattia infettiva causata dal batterio Yersinia pestis. È spesso trasmessa attraverso pulci infette e può anche essere contratta inalando goccioline respiratorie di individui malati di peste polmonare. Può anche essere trasmessa attraverso il contatto diretto con tessuti o fluidi infetti di animali malati.

Chi è a rischio?
Negli Stati Uniti, si registrano in media sette casi di peste umana all’anno, principalmente nella forma bubbonica. La maggior parte dei casi si verifica nelle zone rurali dell’ovest e sud-ovest degli Stati Uniti. A livello mondiale, la maggior parte dei casi si verifica in persone che vivono in villaggi e cittadine rurali in Africa, come a Madagascar e nel Congo.

La peste bubbonica è la stessa della peste medievale?
Non, la peste bubbonica attuale non è la stessa della peste medievale (morte nera). La peste medievale fu un’epidemia devastante che si diffuse in Europa, nel Medio Oriente e nell’Africa settentrionale nel XIV secolo, uccidendo fino alla metà della popolazione. La peste bubbonica moderna è una malattia grave, ma può essere trattata con antibiotici e terapie di supporto.

La peste è ancora una malattia grave?
La peste è una malattia grave, ma grazie agli antibiotici e alle terapie di supporto, può essere gestita efficacemente. È importante che i pazienti vengano trattati tempestivamente. Gli ufficiali sanitari raccomandano precauzioni a coloro che vivono in zone ad alto rischio, come mantenere lontane le pulci e prendere precauzioni nel maneggiare animali malati o morti a causa della peste.

Per ulteriori informazioni sulle malattie infettive, è possibile visitare il sito web dell’Organizzazione Mondiale della Sanità all’indirizzo:
https://www.who.int/home

Fonte dell’articolo: link