Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) potrebbe presto cambiare le sue linee guida sull’isolamento per le persone che sono positive al COVID-19. Secondo quanto riportato dal The Washington Post martedì, pare che l’agenzia consiglierà alle persone di fare affidamento sui sintomi invece che sull’isolamento. Alcuni funzionari del CDC, che hanno preferito rimanere anonimi, hanno dichiarato al Post che questi cambiamenti potrebbero essere implementati già ad aprile.

Nonostante la CDC non abbia ancora confermato la notizia, un portavoce dell’agenzia ha dichiarato via email che non sono previsti aggiornamenti alle linee guida in materia di COVID-19 al momento. Tuttavia, alcuni stati come California ed Oregon hanno già adottato direttive simili.

Questo possibile cambiamento non deve essere interpretato come un segnale che il COVID-19 sia meno contagioso, secondo Jennifer Nuzzo, epidemiologa e direttrice del Pandemic Center presso la Brown University School of Public Health. “La scienza legata al COVID non è cambiata”, sostiene Nuzzo. Se si è risultati positivi al COVID-19, si è probabilmente contagiosi almeno per alcuni giorni e si corre il rischio di trasmettere il virus ad altre persone.

Il cambiamento delle linee guida potrebbe riflettere il fatto che gli effetti della diffusione del COVID-19 sono meno gravi rispetto al passato, almeno dal punto di vista della salute pubblica. Morti e ospedalizzazioni sono aumentate durante l’inverno, ma non ai livelli precedenti. I ricoveri ospedalieri, infatti, sono stati gestibili. Questo possibile cambiamento potrebbe quindi riflettere il fatto che molti americani non stavano seguendo l’isolamento.

Il dott. Anand Parekh, consulente medico capo del Bipartisan Policy Center, afferma che l’isolamento “è molto difficile e richiede molto lavoro”. Egli stesso, trovandosi al nono giorno di COVID, aveva trascorso i primi cinque giorni in isolamento a casa per evitare di esporre i membri della sua famiglia, compresi i suoi tre figli piccoli. Tuttavia, molte persone potrebbero non essere in grado di seguire le attuali linee guida, a causa del lavoro, del numero di persone presenti in casa, o della mancanza di permessi pagati o la possibilità di lavorare da remoto.

Inoltre, il costo e l’accesso ai test sono ora più difficili rispetto al passato, quindi molte persone potrebbero non essere consapevoli di avere il COVID-19 e non prendere le precauzioni necessarie per isolarsi.

Nonostante ciò, Jessica Malaty Rivera, epidemiologa e consulente per la comunicazione presso la de Beaumont Foundation, sostiene che i consigli di salute pubblica forniti dal governo federale dovrebbero guidare le persone, e non il contrario. Un cambiamento nelle linee guida del CDC potrebbe influenzare notevolmente le politiche lavorative e potrebbe costringere le persone a recarsi al lavoro anche se malate, aumentando così il rischio di diffusione del virus.

Infine, le persone che sono particolarmente vulnerabili, come i bambini piccoli, gli anziani, le persone immunodepresse o con patologie preesistenti, potrebbero essere maggiormente colpite da questo possibile cambiamento nelle linee guida. Ciò potrebbe portare ad un aumento dei casi di COVID-19 e dei sintomi a lungo termine, nonché delle ospedalizzazioni.

FAQ:

1. Quali potrebbero essere i prossimi cambiamenti nelle linee guida del CDC sull’isolamento per le persone positive al COVID-19?
Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) potrebbe presto consigliare alle persone di fare affidamento sui sintomi invece che sull’isolamento.

2. Quando si prevede che questi cambiamenti potrebbero essere implementati?
Secondo funzionari anonimi del CDC citati dal The Washington Post, i cambiamenti potrebbero essere implementati già ad aprile.

3. La CDC ha confermato questa notizia?
La CDC non ha ancora confermato la notizia, ma un portavoce dell’agenzia ha dichiarato via email che al momento non sono previsti aggiornamenti alle linee guida in materia di COVID-19.

4. Alcuni stati hanno già adottato direttive simili?
Sì, stati come California ed Oregon hanno già adottato direttive simili.

5. Il COVID-19 diventa meno contagioso se si seguono solo i sintomi invece che l’isolamento?
No, questo possibile cambiamento non deve essere interpretato come un segnale che il COVID-19 sia meno contagioso. Se si è risultati positivi al COVID-19, si è probabilmente contagiosi almeno per alcuni giorni e si corre il rischio di trasmettere il virus ad altre persone.

6. Perché potrebbe essere necessario modificare le linee guida sull’isolamento?
Il possibile cambiamento potrebbe riflettere il fatto che gli effetti della diffusione del COVID-19 sono meno gravi rispetto al passato dal punto di vista della salute pubblica. I ricoveri ospedalieri sono stati gestibili e molti americani non stavano seguendo l’isolamento.

7. Ci sono persone che potrebbero avere difficoltà a seguire le linee guida attuali sull’isolamento?
Sì, molte persone potrebbero non essere in grado di seguire le attuali linee guida a causa di vari motivi come il lavoro, il numero di persone presenti in casa o la mancanza di permessi pagati o la possibilità di lavorare da remoto.

8. Quali potrebbero essere le conseguenze di un cambiamento nelle linee guida del CDC sull’isolamento?
Un cambiamento nelle linee guida potrebbe influenzare notevolmente le politiche lavorative e potrebbe costringere le persone a recarsi al lavoro anche se malate, aumentando così il rischio di diffusione del virus.

9. Chi potrebbe essere maggiormente colpito da questo possibile cambiamento nelle linee guida?
Le persone particolarmente vulnerabili, come i bambini piccoli, gli anziani, le persone immunodepresse o con patologie preesistenti, potrebbero essere maggiormente colpite da questo possibile cambiamento nelle linee guida. Ciò potrebbe portare ad un aumento dei casi di COVID-19 e dei sintomi a lungo termine, nonché delle ospedalizzazioni.

Key Terms:
– CDC: Centers for Disease Control and Prevention, l’agenzia federale degli Stati Uniti responsabile per la protezione della salute pubblica e la prevenzione delle malattie.
– COVID-19: abbreviazione di Coronavirus Disease 2019, una malattia causata dal virus SARS-CoV-2.

Suggested Related Links:
CDC – Centers for Disease Control and Prevention
WHO – World Health Organization
Brown University