L’epidemia di dengue in Brasile spinge le autorità a prendere misure emergenziali

L’epidemia di dengue si è intensificata durante la calda stagione delle piogge del Brasile, costringendo le autorità sanitarie ad adottare misure emergenziali e avviare una campagna di vaccinazione di massa contro questa malattia trasmessa dalla zanzara.

Secondo quanto riportato dal ministero della salute, nelle prime cinque settimane di quest’anno sono stati segnalati 364.855 casi di infezione, quattro volte di più rispetto allo stesso periodo del 2023. La rapida diffusione della dengue ha causato 40 decessi confermati e altri 265 sono ancora in fase di investigazione.

Al fine di contrastare questa epidemia, il Brasile ha acquistato 5,2 milioni di dosi del vaccino contro la dengue denominato Qdenga, sviluppato dall’azienda farmaceutica giapponese Takeda. Inoltre, secondo quanto dichiarato dal ministero della salute, altre 1,32 milioni di dosi sono state fornite gratuitamente al governo.

Tre stati brasiliani, compreso il secondo stato più popoloso, Minas Gerais, e il Distretto Federale, dove si trova la capitale Brasilia, hanno dichiarato lo stato di emergenza a causa dell’incremento senza precedenti delle infezioni. A Brasilia, venerdì inizierà la somministrazione del vaccino Qdenga ai bambini dai 10 ai 14 anni, come stabilito dalle autorità locali.

La capitale ha registrato, dall’inizio dell’anno, un numero di casi di dengue superiore a tutto il 2023, con un tasso di infezione pari a 1.625 casi per 100.000 abitanti, rispetto alla media nazionale di soli 170. Per contribuire alla lotta contro la zanzara Aedes aegypti, vettore e diffusore del virus della dengue, sono state dispiegate truppe dell’esercito nella capitale per individuare e rimuovere i punti di raccolta di acqua stagnante nei domicili e nei giardini.

Il Brasile ha allestito un centro di emergenza per coordinare le operazioni contro la dengue in tutto il paese. Inoltre, la presenza a Brasilia del direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom, ha evidenziato come questa epidemia sia stata alimentata dal fenomeno climatico El Niño che ha portato ad un aumento delle precipitazioni in Brasile.

È importante sottolineare che l’epidemia di dengue non interessa solo il Brasile, ma fa parte di un aumento globale di questa malattia, con oltre 500 milioni di casi e più di 5.000 morti registrate l’anno scorso in 80 paesi di tutto il mondo, ad eccezione dell’Europa, come ha dichiarato il direttore generale dell’OMS.

L’America del Sud sta affrontando un’impennata dei casi di dengue durante l’estate dell’emisfero meridionale, aggravata dagli aumenti delle temperature e dal fenomeno El Niño nel Pacifico, il quale contribuisce a prolungare la stagione della dengue e a diffondere l’infezione.

La dengue si manifesta con sintomi come febbre alta, mal di testa, vomito, dolori muscolari e articolari ed eruzione cutanea pruriginosa. In alcuni casi, la malattia può evolvere in una forma più grave di febbre emorragica, che può causare sanguinamento e portare alla morte.

Domande frequenti sulla dengue in Brasile:

1. Qual è l’attuale situazione dell’epidemia di dengue in Brasile?
L’epidemia di dengue si è intensificata durante la calda stagione delle piogge del Brasile, con un aumento significativo dei casi di infezione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Secondo il ministero della salute, sono stati segnalati 364.855 casi di infezione nelle prime cinque settimane del 2023.

2. Quanti decessi sono stati causati dalla dengue durante questa epidemia?
Fino ad ora, sono stati confermati 40 decessi causati dalla dengue, ma altri 265 sono ancora in fase di investigazione.

3. Quali misure sono state adottate per contrastare l’epidemia di dengue?
Il Brasile ha acquistato 5,2 milioni di dosi del vaccino Qdenga contro la dengue sviluppato da Takeda, un’azienda farmaceutica giapponese. Inoltre, altre 1,32 milioni di dosi sono state fornite gratuitamente al governo. Sono state anche adottate misure per identificare e rimuovere i punti di raccolta di acqua stagnante, dove si riproducono le zanzare trasmettitrici.

4. Quali regioni del Brasile sono più colpite da questa epidemia?
Tre stati brasiliani, inclusa la regione di Minas Gerais, il secondo stato più popoloso, e il Distretto Federale, dove si trova Brasilia, hanno dichiarato lo stato di emergenza a causa dell’incremento senza precedenti delle infezioni.

5. Qual è la causa principale dell’epidemia di dengue in Brasile?
La presenza del fenomeno climatico El Niño ha portato ad un aumento delle precipitazioni in Brasile, creando un ambiente favorevole per la proliferazione delle zanzare Aedes aegypti, responsabili della trasmissione del virus della dengue.

Definizioni chiave:

– Dengue: una malattia virale trasmessa dalle zanzare Aedes aegypti, che provoca sintomi come febbre alta, mal di testa, vomito e dolori muscolari.
– Epidemia: un aumento improvviso e diffuso dei casi di una malattia in una determinata popolazione o area geografica.
– Zanzara Aedes aegypti: una specie di zanzara infettata dal virus della dengue e responsabile della sua trasmissione.

Link correlati:

Ministero della Salute del Brasile
Organizzazione Mondiale della Sanità