Ricerca rivela la devastazione causata da un’epidemia di meningite fungina

Una nuova ricerca pubblicata sul New England Journal of Medicine sta svelando l’entità dei danni causati da un’epidemia di meningite fungina che ha causato la morte di 12 americani l’anno scorso. Lo studio mostra che il fungo ha attaccato in modo aggressivo il tronco cerebrale, spiegando perché alcuni pazienti che hanno sperimentato solo mal di testa un giorno abbiano subito ictus o emorragie il giorno successivo.

Gli esperti affermano che queste scoperte mettono ancora più in evidenza i pericoli del turismo medico, specialmente quando i procedimenti coinvolgono l’anestesia epidurale, che può introdurre patogeni dannosi nel delicato sistema che circonda il cervello e il midollo spinale. A oggi, i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie hanno documentato 14 casi probabili e 10 casi confermati di meningite fungina legati a pazienti che hanno viaggiato a Matamoros, in Messico, per procedure cosmetiche nel 2023.

Nel nuovo studio, gli autori hanno identificato pazienti che avevano subito procedure che coinvolgevano l’anestesia epidurale presso la Clinica K-3 o il River Side Surgical Center tra il 1 gennaio e il 17 maggio 2023, e che successivamente sono stati ricoverati in uno dei tre sistemi ospedalieri nel sud-est del Texas per essere valutati per la meningite fungina. Hanno esaminato i record clinici di 13 persone legate all’epidemia e hanno scoperto che il fungo stava attaccando principalmente i vasi sanguigni nei loro tronchi cerebrali.

Secondo Luis Ostrosky, direttore della divisione di malattie infettive presso l’UTHealth Houston e autore senior dello studio, il fungo Fusarium solani è comunemente presente nell’ambiente esterno. Tuttavia, quando questo tipo di patogeno viene iniettato direttamente nel canale spinale durante un’anestesia epidurale, rappresenta una minaccia significativa. Il canale spinale fa parte del sistema nervoso centrale e i fluidi che circondano la colonna vertebrale possono circolare nella regione cerebrale. Il cervello è in gran parte protetto da una membrana chiamata barriera emato-encefalica, che ha il compito di proteggere l’organo delicato da sostanze potenzialmente dannose nel sangue. Tuttavia, limita anche l’accesso alle cellule immunitarie e agli anticorpi presenti nel sangue, rendendo queste aree più vulnerabili alle infezioni e ai problemi immunitari.

L’iniezione del fungo in questo sistema vulnerabile ha causato gravi infezioni. “Questo fungo ha una predilezione per danneggiare i vasi sanguigni alla base del cervello… Può causare ictus e emorragie”, ha spiegato Ostrosky. Lo studio “suona veramente l’allarme” sul fatto che il turismo medico comporta un certo grado di rischio, anche se può sembrare simile alle cure che si riceverebbero negli Stati Uniti.

Sebbene il titolo sia nuovo, e il contenuto abbia subito un’ampia riformulazione, il fatto principale rimane lo stesso: una ricerca ha rivelato l’estensione dei danni causati da un’epidemia di meningite fungina che ha colpito pazienti che hanno viaggiato in Messico per procedure cosmetiche.

FAQ

Qual è lo scopo dello studio pubblicato sul New England Journal of Medicine?
Lo studio ha lo scopo di rivelare l’entità dei danni causati da un’epidemia di meningite fungina che ha colpito pazienti che hanno viaggiato in Messico per procedure cosmetiche.

Qual è il fungo responsabile dell’epidemia di meningite fungina?
Il fungo responsabile dell’epidemia è il Fusarium solani.

Quali sono i pericoli del turismo medico secondo gli esperti?
Gli esperti sostengono che il turismo medico comporta dei rischi, specialmente quando si utilizza l’anestesia epidurale che può introdurre patogeni dannosi nel cervello e nel midollo spinale.

Quanti casi di meningite fungina sono stati documentati collegati ai pazienti che hanno viaggiato a Matamoros, in Messico?
Fino ad oggi, sono stati documentati 14 casi probabili e 10 casi confermati di meningite fungina collegati a pazienti che hanno viaggiato a Matamoros, in Messico.

In che modo il fungo attacca il cervello durante un’anestesia epidurale?
Il fungo attacca principalmente i vasi sanguigni nel tronco cerebrale, causando gravi infezioni, ictus ed emorragie.

Cosa protegge il cervello da sostanze potenzialmente dannose nel sangue?
Il cervello è in gran parte protetto dalla barriera emato-encefalica, una membrana che ha il compito di proteggere l’organo dalle sostanze dannose presenti nel sangue, ma che limita anche l’accesso alle cellule immunitarie e agli anticorpi.

Link correlati:
New England Journal of Medicine
Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie
UTHealth Houston