Un primo caso di peste umana riportato in Oregon dopo quasi un decennio; rilevato in fase iniziale, “scarso rischio per la comunità”

BEND, Oregon (KTVZ) – Il Dipartimento dei Servizi Sanitari della Contea di Deschutes ha annunciato mercoledì che è stato confermato un raro caso di peste umana in un residente locale, il primo in Oregon dopo quasi dieci anni. Secondo le autorità sanitarie, si ritiene che l’individuo sia stato infettato dal suo gatto domestico sintomatico.

Le persone che sono state a contatto stretto con il residente e il suo animale domestico sono state contattate e hanno ricevuto una cura preventiva”, ha dichiarato il dott. Richard Fawcett, responsabile sanitario della Contea di Deschutes.

I sintomi della peste solitamente iniziano negli esseri umani da due a otto giorni dopo l’esposizione a un animale o a una pulce infetta. Questi sintomi possono includere una febbre improvvisa, nausea, debolezza, brividi, dolori muscolari e/o linfonodi visibilmente ingrossati chiamati bubboni.

La peste bubbonica, se non diagnosticata precocemente, può evolvere in peste setticemica (infezione del flusso sanguigno) e/o peste polmonare (infezione ai polmoni). Queste forme di peste sono più gravi e difficili da trattare.

Fortunatamente, gli ufficiali sanitari hanno affermato che questo caso è stato identificato e trattato nelle fasi iniziali della malattia, rappresentando un piccolo rischio per la comunità. Durante l’indagine sulle malattie trasmissibili, non sono emersi casi aggiuntivi di peste.

Secondo l’Autorità Sanitaria dell’Oregon, la peste è rara in Oregon, con l’ultimo caso riportato nel 2015. Si diffonde tra umani o animali attraverso la puntura di una pulce infetta o il contatto con un animale malato di questa malattia. Gli animali più comuni che trasportano la peste nel Centro dell’Oregon sono gli scoiattoli e i tamia, ma anche topi e altri roditori possono trasmettere la malattia.

Suggerimenti per prevenire la diffusione della peste:

– Evitare ogni contatto con roditori e le loro pulci. Mai toccare roditori malati, feriti o morti.
– Tenere i propri animali domestici al guinzaglio quando si è all’aperto e proteggerli con prodotti antipulci. Non permettere ai propri animali domestici di avvicinarsi a roditori malati o morti o esplorare tane di roditori.
– I gatti domestici sono altamente suscettibili alla peste e i gatti infetti possono trasmettere la batteria agli esseri umani. Se possibile, scoraggiare la caccia dei gatti ai roditori. Consultare immediatamente un veterinario se il gatto si ammala dopo essere stato a contatto con roditori.
– Tenere i roditori selvatici lontano dalle abitazioni e rimuovere cibo, legna da ardere e altri attrattori di roditori intorno alle case e ai fabbricati.
– Non campeggiare, dormire o riposarsi vicino alle tane degli animali o alle zone dove sono stati osservati roditori morti.
– Evitare di dare da mangiare agli scoiattoli, ai tamia o ad altri roditori selvatici nelle aree di campeggio e picnic. Conservare il cibo e i rifiuti in contenitori a prova di roditori.
– Indossare pantaloni lunghi infilati dentro gli scarponi per ridurre l’esposizione alle pulci. Applicare repellente per insetti sui calzini e sugli orli dei pantaloni per ridurre l’esposizione alle pulci.

Per saperne di più: https://www.cdc.gov/plague/index.html

Domande frequenti (FAQ):

1. Qual è il caso raro avvenuto nella Contea di Deschutes?
È stato confermato un raro caso di peste umana in un residente locale, il primo in Oregon da quasi dieci anni.

2. Come si ritiene che l’individuo sia stato infettato?
Si ritiene che l’individuo sia stato infettato dal suo gatto domestico sintomatico.

3. Quali sintomi si verificano di solito nei casi di peste umana?
I sintomi includono una febbre improvvisa, nausea, debolezza, brividi, dolori muscolari e/o linfonodi visibilmente ingrossati chiamati bubboni.

4. Cosa può accadere se la peste solitamente non viene diagnosticata presto?
La peste bubbonica può evolvere in peste setticemica (infezione del flusso sanguigno) e/o peste polmonare (infezione ai polmoni), che sono forme più gravi e difficili da trattare.

5. Qual è il livello di rischio per la comunità in questo caso specifico?
Il caso è stato identificato e trattato precocemente, rappresentando un piccolo rischio per la comunità.

6. Quali sono gli animali più comuni che trasportano la peste nell’Oregon centrale?
Gli animali più comuni che trasportano la peste sono gli scoiattoli e i tamia, ma anche topi e altri roditori possono trasmettere la malattia.

7. Quali sono i suggerimenti per prevenire la diffusione della peste?
– Evitare ogni contatto con roditori e le loro pulci. Mai toccare roditori malati, feriti o morti.
– Tenere i propri animali domestici al guinzaglio quando si è all’aperto e proteggerli con prodotti antipulci.
– I gatti domestici sono altamente suscettibili alla peste. Se possibile, scoraggiare la caccia dei gatti ai roditori e consultare un veterinario se si ammalano dopo essere stati a contatto con roditori.
– Tenere i roditori selvatici lontano dalle abitazioni e rimuovere cibo, legna da ardere e altri attrattori di roditori intorno alle case e ai fabbricati.
– Evitare di dare da mangiare agli scoiattoli, ai tamia o ad altri roditori selvatici nelle aree di campeggio e picnic. Conservare il cibo e i rifiuti in contenitori a prova di roditori.
– Indossare pantaloni lunghi infilati dentro gli scarponi e applicare repellente per insetti per ridurre l’esposizione alle pulci.

Per saperne di più, visita il sito: Sito web sui CDC della peste