Un problema fastidioso: cosa è il tinnito?

Il tinnito è un disturbo che colpisce molte persone, creando suoni fastidiosi nelle orecchie che solo il paziente può sentire. Secondo uno studio della clinica di Cleveland, circa 50 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di tinnito. Tuttavia, è importante capire che il tinnito non è necessariamente un segno di qualcosa di grave.

Il dottor Daniel S. Troast, specialista in audiologia presso HearUSA, ha condiviso alcuni importanti dettagli su sintomi, cause e falsi miti legati al tinnito, nonché sui possibili trattamenti e sulla prevenzione.

La causa più comune del tinnito è la perdita dell’udito causata dal rumore. Circa il 90% delle persone affette da tinnito ha qualche forma di perdita dell’udito. Questo disturbo è più legato al cervello che all’udito stesso, come spiega il dottor Troast. Quando una persona con udito normale riceve segnali sonori attraverso il canale uditivo, il cervello è abituato a elaborarli. Ma se c’è una perdita dell’udito, il cervello interrompe la ricezione di questi segnali, e il tinnito è la sua risposta a questa mancanza di comunicazione con le orecchie. Questo può essere causato da un’ampia gamma di fattori, come esposizione a rumori forti o farmaci specifici.

Uno dei miti più comuni è che il tinnito possa essere completamente curato. In realtà, non esiste una cura totale per il tinnito, anche se può essere gestito efficacemente. Alcuni falsi “rimedi” circolano sui social media, ma non hanno alcun effetto sulla causa sottostante del tinnito. Pertanto, è importante consultare un audiologo per stabilire un piano di trattamento adeguato.

La terapia comportamentale cognitiva (TCC) può essere molto efficace quando viene combinata con il trattamento audiologico. La TCC aiuta il paziente ad accettare il tinnito e a conviverci senza provare ansia o depressione.

Per prevenire il tinnito, si consiglia di limitare l’esposizione a rumori forti, indossando sempre protezioni auricolari in ambienti rumorosi e riducendo il tempo trascorso ad ascoltare musica ad alto volume con cuffie e auricolari. Effettuare regolari controlli dell’udito può anche aiutare a individuare eventuali problemi e intervenire tempestivamente.

Sebbene il tinnito non sia pericoloso dal punto di vista fisico, può avere effetti dannosi sulla salute mentale delle persone. Pertanto, è importante affrontare questo disturbo in modo adeguato, cercando il supporto necessario e adottando le misure di prevenzione adeguate.

FAQ:

Q: Qual è il tinnito?
A: Il tinnito è un disturbo che causa suoni fastidiosi nelle orecchie che solo il paziente può sentire.

Q: Quante persone negli Stati Uniti soffrono di tinnito?
A: Circa 50 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di tinnito.

Q: Il tinnito è un segno di qualcosa di grave?
A: No, il tinnito non è necessariamente un segno di qualcosa di grave.

Q: Qual è la causa più comune del tinnito?
A: La perdita dell’udito causata dal rumore è la causa più comune del tinnito.

Q: Qual è il legame tra il cervello e il tinnito?
A: Il tinnito è più legato al cervello che all’udito stesso. Quando c’è una perdita dell’udito, il cervello interrompe la ricezione dei segnali sonori, generando il tinnito.

Q: Esiste una cura totale per il tinnito?
A: No, non esiste una cura totale per il tinnito, ma può essere gestito efficacemente.

Q: Cosa è consigliato per prevenire il tinnito?
A: È consigliato limitare l’esposizione a rumori forti, indossare protezioni auricolari in ambienti rumorosi e ridurre l’ascolto di musica ad alto volume con cuffie e auricolari.

Key terms:
– Tinnito: un disturbo che causa suoni fastidiosi nelle orecchie che solo il paziente può sentire.
– Udito: la capacità di percepire i suoni.
– Terapia comportamentale cognitiva (TCC): una forma di terapia che aiuta il paziente ad accettare il tinnito e a conviverci senza provare ansia o depressione.

Suggested related link: Clinica di Cleveland